L’Imperatore.

Come ogni lunedì ho estratto la carta della settimana solo che stavolta non riguarda i prossimi giorni ma l’intero anno.

Roba grossa e previsione ardua, direte voi… e avete pure ragione .

Infatti non farò una previsione, non nel senso letterale del termine quanto meno.

Ma quindi che caspita vuoi fare?

Voglio, come sempre , esprimere il risultato di una meditazione, raccontarvi il messaggio che questa carta mi ha dato da riportarvi, trascrivere quello che mi è arrivato per il nuovo anno attraverso una sola lama.

Comincio rassicurando i vostri cuori e i vostri muscoli in generale dicendo che non è un anno per pigri, non si procrastina, non si molla nulla.

Bello sarebbe stato se avessi scelto carte tipo la Stella o la Temperanza, uh… la Temperanza sarebbe stata perfetta!

E invece niente, ce tocca l’Imperatore che  con sguardo fiero, severo, fermo ci informa che sono finiti i giochi da fare, chi è dentro è dentro chi è fuori è fuori.

In fondo Lui è il re del quadrato , del fare quadrato intorno ad una situazione, lui sì che sa far rispettare i confini che mette, mica come altre carte che conosco…

Non si perde in chiacchiere che non siano costruttive e poche, molto poche che ha da fare, deve costruire, ampliare i suoi domini, innalzare torri , allargare le strade… sarà un anno pratico, meravigliosamente o dannatamente pratico.

Non è un anno per pigri, assolutamente.

Ora, chi è già in questa forma mentis si troverà a suo agio, ma chi, come me si contorce di fronte ad ogni forma di regole e rigidità , potrà attingere ad una grande energia.

Il discorso è questo, dobbiamo integrare ciò che lui rappresenta, il  lato positivo ovviamente non quello ombra che è dispotismo e prevaricazione conditi con chiusura e tirannia.

Ve lo immaginate un mondo così?

Purtroppo c’è stato e in qualche posto del mondo c’è ancora, ma qui si parla solo del lato positivo , della luce di questo arcano.

Cosa ci insegna e come sfruttarlo per il 2021?

L’insegnamento più grande è sicuramente la capacità di rimanere se stessi anche di fronte alle cose più assurde.

L’imperatore è radicato in sé, si conosce , conosce i suoi limiti e le sue caratteristiche, sa chi è e, se si mette in discussione, è solo per comprendere quelle parti di se stesso che ancora non conosce pienamente.

Perciò il primo aiuto sarà quello di farci sentire più sicure/i, di andare a testa alta senza timore ma privi di spocchia ( questa non piace a nessuno).

Il secondo è di mettere da parte l’io per la comunità .

Un regno , cioè il mondo, è fatto di tante parti che , insieme, formano una unità più grande.

Chi pensa solo a se stess* non può avere la visione del tutto e quindi fallisce nell’amore, nella crescita, nella volontà del divino che è sempre un abbraccio a tutti e non a chi si preferisce.

Sii il” guardiano di tuo fratello” sembra dire questa carta e per guardiano intende qualcuno che si prende cura degli altri perché insieme siamo tutti più forti.

Io so perfettamente che questa carta non è corale , infatti vuole che lo siamo noi mica lui!

Comunque penso che il 2021 sarà l’anno nel quale raccoglieremo i cocci del 2020 e nessuno , ma proprio nessuno come questa carta può essere d’aiuto.

È un invito a usare la testa, la razionalità, la logica ( beato chi ce l’ha) per affrontare un problema alla volta e noi tutt* dobbiamo affrontare la consapevolezza che di fronte a quello che ci è successo siamo fragili, oltremodo fragili.

Fortuna il nuovo anno è gestito da uno che porta l’armatura e adora le sfide.

Vi auguro un anno meraviglioso, vi auguro salute e gioia soprattutto gioia nelle piccole cose come nelle grandi.

Condividi su

Lascia un commento