” Quando cadrà la notte
e la terra sarà buia
l’unica luce che vedremo sarà la Luna”

Con questi versi inizia una celebre canzone Stand by me di Ben E. King , sono versi che adoro perché spiegano bene il significato della Luna.

È quella luce che ti permette di vedere al buio, è quella luce che illumina tutto ciò che non è esposto, illumina l’anima, il cuore, punta sui nostri sentimenti, su ciò che non mostriamo o vogliamo vedere.

Tipo la luce del frigorifero, interna e si accende solo aprendo lo sportello.

Nei Tarocchi la Luna è una carta importante alla quale prestare molta attenzione, è piena di preziosi consigli su chi siamo o chi non siamo, su come sentiamo le persone, le situazioni, la vita, quando non è illuminata, anzi ci mostra la parte in ombra di quella luce.

Ma, soprattutto la luna non è solo il satellite della Terra, ma una rappresentazione di moltissime dee, come Diana o Selene.

Rappresenta il femminile sacro ed è associata alla magia e alla sua manifestazione nel nostro mondo, a chi non piacerebbe saper sparire e riapparire luminosissima ?!

Il senso della sua magia è proprio nella ciclicità, nell’idea che si muore ma si rinasce, sempre nuova ma diversa.

È l’idea stessa della trasformazione, della rinascita, dell’anima che trascende dal corpo, dedico un po di tempo alla Luna, a volte con un altare pieno di fiori e miele, altre con una semplice candela, ma sempre con una meditazione insieme a una carta dei Tarocchi e Oracoli per beneficiare della sua energia e dei consigli che dà.

Perché celebrarla :

Ogni mese è buona cosa allinearsi con il ciclo lunare, luna nuova o nera, luna piena e luna calante, queste tre sue facce sono ricche di energia che può esserci utile per piantare un seme ( letteralmente e metaforicamente), concretizzare una magia, lasciar andare qualcosa o qualcuno.

  • Perché è bello.
  • Perché ricorda che tutto inizia e finisce.
  • Perché c’è magia nel rivolgersi a Lei.
  • Perché è un’espressione del divino femminile.
  • Per andare nel profondo.
  • Per sviluppare o allinearsi con l’intuito.
  • Per imparare a trovare una luce sempre e ovunque.

Come fare:

Da fare c’è veramente poco, a prova di pigrizia estrema.

Il giorno di Luna piena basta accendere una candela e meditare per qualche minuto.

Può essere di aiuto conoscere il segno zodiacale nel quale cade la luna per avere un’idea più completa dell’energia del momento.

Cosa faccio io:

Sia per la Luna piena che per la Luna nuova accendo una candela bianca naturale , preferibilmente di cera di soia, riconcentro sulla fiammella e respiro profondamente per rilassarmi.

Dono alla Dea dei fiori freschi e incenso, anche un’offerta che può essere del latte o del miele, ma va bene qualsiasi cosa venga dal cuore.

Estraggo una carta per ricevere un consiglio.

La sera lascio i miei tarocchi e i cristalli sotto i suoi raggi per purificarli e ricaricarli.

È importante ricordare di far scaturire tutto dal profondo della nostra anima.

Condividi su